Sovrappeso ed obesità: Spagna e Italia a confronto

Occhio al post di oggi perchè parliamo di obesità, sovrappeso e dieta mediterranea in Spagna, Italia ed Europa.

Partiamo dai dati europei. Lettonia, Ungheria e Regno Unito vantano un tasso di obesità vicino al 20%, seguite a breve distanza dalla Spagna. L’Italia, invece, si piazza in coda alla classifica insieme alla Romania con una percentuale di obesi del 10%.

Ben il 53% degli spagnoli è in sovrappeso, mentre il 17% é obesoNelle Asturie, Galizia e Andalusia 1 abitante su 4 è obeso. Per quanto riguarda il sovrappeso, oltre alle già citate zone, dati allarmanti provengono da Catalogna, Madrid, la Rioja, Canarie, Castilla la Mancha e Murcia con cifre intorno al 40%. In coda alla classifica troviamo Baleari, Cantabria, Castilla e León e Paesi Baschi.
La sanità spagnola spende circa 5 miliardi di euro all’anno per curare patologie collegate al sovrappeso ed all’obesità, si tratta del 7% della spesa totale.

Passiamo al bel paese. In Italia il 36% della popolazione è in sovrappeso ed il 10% è obeso. Basilicata, Molise, Abruzzo e Puglia sono le regioni con più obesi con una media del 13%. Preocupante anche la situazione in Campania e Calabria dove circa il 40% della popolazione è in sovrappeso. Piemonte e Trentino, invece, sono in coda alla classifica. Il costo dell’obesità per il servizio sanitario nazionale ammonta a 9 miliardi di euro.

Italia e Spagna sono illustri rappresentanti della dieta mediterranea e condividono valori gastronomici comparabili. Inoltre, nei due paesi, il sovrappeso grave è molto più frequente nelle fasce di popolazione con redditi e livelli di studio più bassi. Altro spunto interessante proviene dal consumo di alcol. In questo caso Italia e Spagna vantano un’enorme differenza: uno spagnolo adulto beve in media quasi 10 litri di alcolici mentre un italiano 6 litri. Estonia, Austria e Francia sono leader mondiali nel consumo di bevande alcoliche. Ma su questo tema mi riservo di scrivere un post a parte prossimamente.

Per quanto riguarda il consumo di bibite zuccherate, anch’esse molto pregiudiziali, le tendenze si invertono: gli italiani ne assumono una media di 53 litri annuali contro i 45 litri degli spagnoli. Mi ha sopreso scoprire che Messico e Cile sono i maggiori consumatori di queste bevande (145 litri all’anno a persona), seguiti dagli Stati Uniti (125 litri).

In conclusione, credo si debba investire risorse nell’educazione e nella prevenzione per combattere un problema che colpisce 6 di ogni 10 adulti e 1 di ogni 4 bambini europei.  Oggi l’obesità è la malattia della povertà nei paesi economicamente più sviluppati.

Una triste contraddizione se pensi che oggi  ci sono un miliardo di persone con obesità o sovrappeso ed un altro miliardo di persone malnutrite che devono sopravvivere con meno di 1900 calorie al giorno.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *