E’ finita la buena vida

presidente_eurogruppo_ministro_economia_spagnaQuando arrivai a Madrid nel lontano 2008 questo paese era un’altra cosa. Per tanti italiani, che come me, fuggivano da un’ Italia in piena decadenza politica, culturale e sociale la Spagna era un rifugio sicuro. Terra di opportunità e di rivincita. Al fronte del governo c’era Zapatero, la nuova speranza della socialdemocrazia europea; un uomo stimato e lodato dalla stampa di mezzo continente per le sue politiche sociali all’avanguardia. I racconti dei tanti italiani gia residenti in Spagna parlavano di un paese in cui le opportunità di lavoro e la qualità di vita erano ineccepibili.

Ebbi … Leggi tutto

Il lato oscuro di Barcelona e della fiesta

Il lato b della fiesta e dello sballo a Barcellona

Barcellona è una città completa: qui trovi la straordinaria architettura di Gaudí, l’incantevole barrio gotico e la collina di Montjüic con il suo panorama mozzafiato. Se ti piace il “futbol” puoi visitare il museo del Barça e goderti una partita dagli spalti del Camp Nou e se cerchi il relax potrai sdariarti sulla sabbia e fare un tuffo. Potrei continuare a lungo con la lista delle bellezze della capitale catalana, però non sono qui per questo.

Barcelona possiede un altro volto, ben differente e che è frutto della degenerazione del turismo di massa che l’ha trasformata nella quarta … Leggi tutto

Ricomincio da Barcellona

Cinque anni dopo aver mollato tutto ed essere volato da Roma a Madrid con un biglietto di sola andata, ci sono cascato di nuovo. Altro viaggio a senso unico, questa volta da Madrid a Barcelona.

Il cambio è stato netto, basta televisione e giornalismo d’inchiesta per un lavoro di comunicazione e marketing in una multinazionale della moda. Un altro mondo, forse meno eccitante ma più tranquillo e senza tanti rischi per il corpo e per la mente. Niente manifestazioni di protesta, cariche della polizia, inchieste rischiose e vita da reporter, senza orari né garanzie. … Leggi tutto

Il mio cammino di Santiago

camino_santiago_occhioIl mio è un lavoro sui generis, e capita che un giovedí ti convochino a una riunione e ti dicano, senza mezzi termini, che devi obbligatoriamente prenderti una settimana di ferie per non arrivare alla fine dell’anno con troppi giorni liberi accumulati. Qualche collega l’ha presa male, e in effetti ognuno dovrebbe poter disporre dei giorni di vacanza senza obblighi. Per me, comunque, le vacanze forzate si sono trasformate in un’occasione per fare qualcosa che avevo in mente da un bel po’: il cammino di Santiago.
Dopo un breve tour presso un negozio specializzato per procurarsi l’occorrente minimo … Leggi tutto