Essere medico a Madrid…ai tempi del coronavirus

Qual’è stato l’impatto del coronavirus sul tuo lavoro?

Il Covid-19 ha cambiato completamente il lavoro giornaliero dei medici. Tutte le risorse della sanità sia pubblica che privata sono state destinate a combattere il virus.  Abbiamo sospeso le operazioni chirurgiche programmate e le visite non urgenti. Nel caso degli interventi chirurgici oncologici, all’inizio della crisi, avevamo la possibilità di operare i pazienti mentre ora, a causa della saturazione degli ospedali, dobbiamo derivarli a “ospedali bianchi” che non accolgono persone infette e che sono considerati sicuri per pazienti oncologici e donne in cinte. Riguardo le operazioni chirurgiche urgenti, abbiamo molte limitazioni poiché non ci sono posti in terapia intensiva e pochissimi posti letto e sale operatorie con respiratori a disposizione. Un autentico dramma.

Il personale medico dispone degli strumenti di protezione necessari?

All’inizio della crisi, no. A causa del panico generalizzato, improvvisamente sparirono tutte le mascherine a disposizione, come per magia. Attualmente sta arrivando del nuovo materiale, e si sta distribuendolo in relazione alle necessità. In ogni caso, un ospedale privato piccolo come quello in cui lavoro non è il miglior esempio. Ho molti colleghi in ospedali pubblici che stanno lavorando senza disporre della protezione necessaria e che  devono arrangiarsi utilizzando l’ingegno. Credo che i responsabili politici sono corresponsabili della situazione e del contagio del personale sanitario.

Come si stanno gestendo i test? Il personale sanitario con sintomi di contagio continua a lavorare?

Inizialmente, chi aveva sintomi veniva mandato a casa in quarantena. Ciò provocò una diminuzione del personale, che in molti casi stava lavorando senza protezione per un errore di valutazione del rischio. Cosí, questo criterio si modificò e solo i medici con molti sintomi venivano mandati a casa. Si insisteva affinché continuassero a lavorare, soprattutto nella sanità pubblica. I dipartimenti che analizzano i rischi legati alla sicurezza sul lavoro nei vari ospedali erano saturi e quindi era impossibile, da parte dei medici, certificare i sintomi ed ottenere protezione.
Sottoporre ai test per il contagio il personale sanitario non è mai stata una priorità. Si voleva evitare che diminuisse il personale disponibile. Con il passare del tempo, e dopo le proteste del personale sanitario, si è generalizzato l’uso dei test e quindi ora chi è positivo al virus viene mandato a casa, con tutte le conseguenze del caso.

Che effetto stanno avendo i tagli alla sanità sulla lotta alla pandemia?

Logicamente, i tagli che hanno coinvolto la regione di Madrid, hanno avuto un forte impatto. I professionisti del settore avevano lanciato un grido d’allarme già molti anni fa. Con l’esplosione del virus,  è arrivata la conferma delle conseguenze dei tagli al personale, ai posti letto, etc . Sapevamo che questo sarebbe successo cosí come ne era a conoscenza l’amministrazione pubblica. I medici sono stati trascurati per molti anni. La sanità spagnola è stata definita “la migliore del mondo”, ma io preferisco dire che abbiamo i migliori professionisti visto che il sistema sanitario si è deteriorato molto. Mi sto riferendo al sistema sanitario pubblico, quello privato è stato il grande beneficiario di questa politica.

L’insufficienza di posti in terapia intensiva ha impedito che alcuni pazienti potessero accedervi?

Anche se molte persone non ne sono a conoscenza, le risorse terapeutiche nel sistema ospedaliero sono sempre state limitate e si sono dovute adattare dipendendo dalla situazione. Generalmente e salvo eccezioni, un paziente di 85 anni, ad esempio, non viene ricoverato in terapia intensiva a prescindere dalla sua patologia. Si chiama, adattamento delle risorse per evitare l’accanimento terapeutico ed il suo obiettivo è evitare trattamenti aggressivi con pazienti che hanno una bassa aspettativa di vita e una prognosi sfavorevole.
L’unico cambiamento dovuto al virus, è che queste decisioni che, in situazioni normali, si assumevano in maniera ragionevole e condivisa, oggi si prendono in maniera più estrema. In alcune occasioni, costretti dalla mancanza di strutture e mezzi, si devono modificare i criteri che si usano abitualmente per decidere.

Vuoi condividere qualche altro pensiero con i lettori?

Credo che il virus cambierà per sempre le nostre vite e spero che tutti noi apprenderemo da questa esperienza dando il giusto valore al nostro sistema sanitario e proteggendolo. Se questo avverrà, possibilmente non dovremo vedere ancora i nostri cari ed i nostri anziani morire da soli in un letto d’ospedale, isolati, impauriti e disperati.
I sentimenti che prevalgono in me in questi giorni, sono il dispiacere ed il dolore per le centinaia di casi  come questi che, disgraziatamente, avvengono in tutta la Spagna.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.